Cosa succede dopo aver vinto un torneo di preparazione agli Australian Open?

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato il 29 dicembre 2011 – Traduzione di Edoardo Salvati

La particolare collocazione nel calendario tennistico rende gli Australian Open un torneo unico. Seguono quasi immediatamente la ripresa dalle vacanze invernali, quindi la percezione comune è che alcuni giocatori si presentino in uno stato di forma non ottimale come per gli altri tre Slam.

Per questa ragione i tornei delle due settimane precedenti agli Australian Open sono contemporaneamente importanti e difficili da pronosticare. Chi sarà in forma a Chennai la prossima settimana (torneo vinto da Milos Raonic, che ha poi perso al terzo turno degli Australian Open 2012, n.d.t.)? Chi è mentalmente pronto per la nuova stagione? E una volta che Chennai, Doha, Auckland, Sydney e Brisbane si sono conclusi, che informazioni si possono trarre per gli Australian Open stessi?

Cercherò di rispondere a quest’ultima domanda. Se mai ci fosse un periodo in cui la classifica non sembra contare così tanto è proprio gennaio, dopotutto è il mese in cui Yevgeny Kafelnikov ha vinto il suo Slam sul cemento. Sarebbe ragionevole ritenere che i tornei di preparazione siano particolarmente predittivi. Magari tornei come Doha forniscono un’anteprima in pillole su quanto ciascun giocatore sia pronto per il grande evento di Melbourne.

Purtroppo però, così non sembra essere. Vincere un torneo nelle due settimane che precedono Melbourne non necessariamente è predittivo del rendimento agli Australian Open. Anzi, è più affidabile nel pronosticare una prestazione deludente nel primo Slam dell’anno.

Dal 1992 (e senza considerare il 2007, anno in cui alcuni dei tornei di preparazione hanno modificato il format introducendo una fase a gironi) ci sono stati 93 tornei nelle due settimane che precedono gli Australian Open, 42 dei quali la settimana prima e gli altri 51 due settimane prima. Per ciascuno di essi, ho segnato i vincitori, la loro testa di serie agli Australian Open e il piazzamento a Melbourne. Con questi ultimi due dati, possiamo verificare se il rendimento sia stato uguale, superiore o inferiore alle attese.

(Le teste di serie agli Australian Open non sono lo strumento perfetto per stabilire il livello delle attese, visto che i risultati delle due settimane precedenti sono incorporati nella classifica. Ma si sono rivelate l’opzione di gran lunga più semplice e, siccome non è un metodo che distingua, ad esempio, tra la testa di serie numero 5 e la numero 8, dubito che faccia troppa differenza.)

Consideriamo i vincitori nella settimana che precede gli Australian Open. Non avevo grandi aspettative in questo caso, visto che i giocatori migliori solitamente riposano nella settimana prima di uno Slam. Sembra però che vincere un torneo in quella settimana dia una spinta aggiuntiva per superare uno o due turni.

Dei 42 vincitori di questi tornei, 12 hanno confermato le attese (vale a dire, hanno giocato al livello previsto dalla loro testa di serie a Melbourne), 17 hanno superato le attese e 13 hanno giocato peggio (tra cui un giocatore che si è ritirato).

Di questi tredici, solo quattro hanno perso il turno di apertura a Melbourne e nessuno era testa di serie. Molti hanno perso al secondo turno, tra cui la dolorosa uscita della testa di serie numero 6 Michael Chang nel 1993.

In chiave positiva, Pete Sampras ha vinto a Sydney nel 1994 e subito dopo a Melbourne, raccogliendo due tornei di fila. È l’unico giocatore negli ultimi vent’anni ad aver vinto gli Australian Open e un altro torneo nella settimana precedente.
Per i vincitori di tornei due settimane prima di Melbourne, i risultati non sono altrettanto confortanti. Dei 51 vincitori, 15 hanno confermato le attese, 12 le hanno superate e 24 hanno giocato peggio rispetto alla loro testa di serie (tra cui, anche in questo caso, un giocatore che si è ritirato).

Incredibilmente, ben 14 su 51 vincitori non ha poi superato nemmeno un turno a Melbourne, tra cui la testa di serie numero 4 Boris Becker nel 1993, la numero 5 Carlos Moya nel 2005 e la numero 9 Andy Murray nel 2008. Solo due dei 51 giocatori hanno vinto il torneo: Petr Korda nel 1998 e Roger Federer nel 2006, entrambi trionfatori a Doha (recentemente anche Stanislas Wawrinka e Novak Djokovic ci sono riusciti, nel 2014 e nel 2016, vincendo rispettivamente a Chennai e a Doha, n.d.t.).

In altre parole, la vittoria in un torneo di preparazione non rivela molto sul livello di forma per gli Australian Open stessi, e così sarà per i vincitori dei tornei delle prossime settimane, che non riceveranno particolari favori del pronostico a prescindere da quanto abbiano giocato bene nel debutto stagionale.

C’è una domanda a cui non ho risposto: cosa succede saltando completamente i tornei di preparazione? Se si escludono le esibizioni, è il programma che seguirà Djokovic, insieme ad altri giocatori, tra cui si fa notare Marin Cilic, che ha vinto a Chennai nel 2009. Dopo quel risultato, non è andato oltre i sedicesimi a Melbourne. Forse questa volta gambe più fresche significheranno più turni superati (Djokovic ha effettivamente vinto gli Australian Open nel 2012, mentre Cilic non li ha giocati per infortunio. Djokovic ha vinto gli Australian Open nel 2013 senza aver disputato tornei di preparazione, così anche Federer nel 2017, n.d.t.).

What Happens When You Win an Aussie Warmup?