I tornei di preparazione a uno Slam e gli altri ATP 250

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato l’11 gennaio 2013 – Traduzione di Edoardo Salvati

I due tornei di preparazione agli Australian Open 2013 stanno andando in modo molto diverso tra loro.

A Sydney, una sola testa di serie (Andreas Seppi, che non è così automatico trovare tra le teste di serie o nei turni finali) ha raggiunto la semifinale, e solo un’altra è arrivata ai quarti. Nella parte opposta del Mar di Tasmania, tre dei quattro semifinalisti ad Auckland sono tra le prime quattro teste di serie e il quarto, Gael Monfils, si trova tipicamente in quella zona di classifica (pur partecipando grazie a una wild card per via del suo 99esimo posto. Monfils ha poi perso in semifinale contro David Ferrer, n.d.t.). Se il torneo di Sydney rientra nella casistica più convenzionale, è quello di Auckland a mescolare le carte. Nella settimana che precede uno Slam, molti dei giocatori di vertice si risposano, mentre di quelli che giocano…beh diciamo che per loro i tornei di preparazione non sono esattamente la più importante delle priorità.

Vincere nei tornei 250

Convenientemente, il calendario ATP è di immediato sostegno come esperimento finalizzato a capire se i tornei di preparazione a uno Slam facciano davvero storia a sé (per facilità, li considero tutti tornei di preparazione, anche se analizziamo solo quelli nella settimana che precede uno Slam. Sydney è incluso, ma non lo è il torneo di Brisbane, per quanto gli eventi due settimane prima di uno Slam siano generalmente chiamati “di preparazione”).

Dal 2009, tutti i tornei di ultima categoria del circuito maggiore hanno assegnato 250 punti al vincitore ed è comodo che tutti quelli nella settimana che precedente uno Slam facciano parte di questa categoria.

Per verificare se i giocatori affrontino i tornei di preparazione agli Slam diversamente, possiamo semplicemente confrontare i risultati dei tornei di preparazione con quelli degli altri tornei 250. Non è una metodologia perfetta, visto che alcuni 250 hanno tabelloni con più di 32 giocatori e la qualità della competizione non è identica a questo livello, ma esaminando differenti parametri riusciamo ad arginare l’impatto di queste limitazioni.

Chi vi si dedica con intensità?

Iniziamo dal rapido conteggio di vittorie e sconfitte delle teste di serie. Nei tornei di preparazione dal 2009 al 2012, le teste di serie hanno vinto circa il 61% delle partite contro avversari fuori dalle teste di serie (224 su 365), mentre negli altri 250 le vittorie sono state più del 70% (1499 su 2129). Si tratta di una differenza sostanziale.

Per eliminare la stranezza del tabellone più ampio al Queen’s Club (che dal 2015 ha acquisito lo status di torneo 500, n.d.t.), e magari escludere anche qualche ritiro al primo turno, analizziamo il bilancio delle teste di serie in turni specifici.

Nei sedicesimi di finale di un torneo di preparazione, le teste di serie hanno conseguito 71 vittorie a fronte di 50 sconfitte, cioè una percentuale del 58.7%. Negli altri 250, il record è stato di 591 vittorie e 225 sconfitte, pari a una percentuale del 72.6%.

Nei quarti di finale di un torneo di preparazione, le teste di serie hanno battuto i giocatori non teste di serie per 36 volte su 46, pari al 71.7%. Negli altri 250, il bilancio è stato a favore delle teste di serie in 200 partite su 275, cioè il 72.7%.

Sembra che molti dei giocatori di vertice si presentino ai tornei di preparazione a uno Slam con l’intento di giocare una o due partite in contesto competitivo (o forse per obblighi contrattuali con gli sponsor). Sono giocatori il cui rendimento non è in linea con lo standard abituale. Ma, come visto dal record abbastanza simile nei quarti di finale, quelli che partecipano al torneo per arrivare fino in fondo giocano al loro livello abituale.

Qualche altro aspetto

Un elemento che sembra avere conseguenza effettiva nei tornei di preparazione sono i ritiri dell’ultimo minuto, come quello della seconda testa di serie Gilles Simon a Sydney, perché non compaiono nel record di partite vinte e perse (curiosamente, Monfils e Simon hanno vinto nel 2018 rispettivamente a Doha e Pune, in India, due tornei 250 che precedono gli Australian Open di due settimane, n.d.t.).

Per avere un quadro completo della situazione, compresi i ritiri, possiamo conteggiare il numero di teste di serie che hanno raggiunto la semifinale nelle due categorie che abbiamo definito per i tornei 250.

In quelli di preparazione a uno Slam, i semifinalisti negli ultimi quattro anni si sono suddivisi in 53 teste di serie e 43 non teste di serie, vale a dire che il 55% dei giocatori di vertice sono arrivati in semifinale. Negli altri 250, il rapporto è stato 365 teste di serie e 191 non teste di serie, cioè il 66% dei giocatori di vertice arrivati in semifinale.

Un ennesima chiave di analisi è il rendimento delle prime quattro teste di serie. Nei 250 succede spesso che le teste di serie dalla numero 5 alla numero 8 siano praticamente indistinguibili dal resto dei partecipanti. Per esempio, a Sydney questa settimana le teste di serie dalla 5 alla 8 sono Florian Mayer, Radek Stepanek, Jeremy Chardy e Marcel Granollers. Quindi non molta differenza tra questi giocatori e i semifinalisti fuori dalle teste di serie Julien Benneteau, Kevin Anderson e Bernard Tomic (che ha poi vinto il torneo in finale contro Anderson, n.d.t.).

In assenza di una netta separazione tra giocatori di primo livello e il resto del gruppo, selezionare le prime quattro teste di serie è una scelta valida come qualsiasi altra possibile.

Il risultato è simile a quanto visto con un campione più ampio di teste di serie. Complessivamente, quando una delle prime quattro teste di serie affronta un avversario fuori dalle prime quattro in un torneo di preparazione, vince il 65% delle partite (129 su 199). Negli altri 250, vince il 74% delle partite (978 su 1321).

Nei sedicesimi di finale, le prime quattro hanno un record di 51 vinte e 24 perse nei tornei di preparazione, pari al 68%, rispetto al 76% (366-114) negli altri 250.

È nei quarti di finale che le prime quattro teste di serie ottengono un rendimento diverso da quello delle altre teste di serie. Nei tornei di preparazione, il record è 31-20, pari al 61% delle partite. Negli altri 250, la percentuale è del 71% (261-105). Forse il bye al primo turno in molti dei tornei di preparazione a uno Slam significa che le teste di serie preferiscono non dover giocare più di due partite di preparazione.

Come detto, questi calcoli restituiscono risultati imprecisi, perché non tengono conto del livello di bravura dei partecipanti in ciascuno dei vari tornei 250. Pur non essendo l’ultima parola sulla questione, sono numeri che indicano con forza che i giocatori di classifica più alta non hanno troppa considerazione dei tornei di preparazione a uno Slam. Contro un insieme di avversari dalle caratteristiche simili, vincono molte più partite nei tornei 250 di altri momenti dell’anno.

Questo forse è un motivo per cui vincere un torneo di preparazione agli Australian Open non è predittivo di alcuna particolare aspettativa di successo a Melbourne: sono tornei a cui alcuni degli avversari di più alta classifica non si dedicano con l’intensità normalmente riservata ad altri tornei.

Warming Up and Losing Out