I giocatori più giovani hanno un rendimento migliore nelle partite più lunghe

di John McCool // sportsbrain (via CMUSportsAnalytics)

Pubblicato il 9 giugno 2017 – Traduzione di Edoardo Salvati

Il tennis è uno sport da giovani, in cui è richiesta una combinazione di resistenza fisica e rilascio esplosivo di energia da mantenere anche per diverse ore. Punto dopo punto, i giocatori si trovano di fronte all’arduo sforzo di coprire il campo sulla linea di fondo e a rete, dovendo rispondere a servizi che spesso superano i 200 km/h e nell’obbligo di giocare colpi perfettamente indirizzati.

Sport come il baseball e il golf sottopongono il fisico a un logoramento meno intenso. Un prima base che colpisce una fastball o una palla curva lenta, o un golfista che possiede la forza di spedire abitualmente una pallina in fairway a più di 250 metri di distanza, riescono probabilmente a giocare a quei livelli ben oltre i trent’anni più di quanto sia possibile a un giocatore di tennis con una simile carriera.

Nel tennis, la tendenza è a raggiungere il proprio massimo di rendimento intorno ai 24 o 25 anni. La leggenda Boris Becker ad esempio ha vinto il suo ultimo Slam a 28 anni. Allo stesso modo, sia John McEnroe che Bjorn Borg hanno conquistato l’ultimo Slam nella quasi età pensionabile di venticinquenni, aspetto che rende la recente vittoria di Roger Federer a 35 anni agli Australian Open 2017 ancora più incredibile.

Ritenere che i giocatori più giovani tendano a rendere meglio dei loro avversari di età superiore in partite molto lunghe può avere fondamento. Per mettere alla prova questa ipotesi, abbiamo analizzato 12.032 partite nel periodo tra il 2012 e il 2016. Sono state escluse quelle con durata inferiore a 30 minuti perché, nella maggior parte dei casi, sono terminate con un ritiro.

IMMAGINE 1 – La differenza media tra l’età dei vincitori e quella degli sconfitti (asse delle ordinate) rapportata alla durata della partite (asse delle ascisse), tra il 2012 e il 2016

Nel campione considerato, le partite durate meno di 77 minuti (al di sotto del primo quartile) in media hanno leggermente favorito i giocatori più vecchi. In queste partite più brevi, la differenza media di età tra vincitori e sconfitti è stata di 0.37, a indicazione del fatto che i giocatori più vecchi tendono effettivamente a fare meglio dei più giovani. La differenza media di età (tra il giocatore che ha vinto e quello che ha perso la partita) raggiunge il suo massimo intorno al centesimo minuto della partita, per poi iniziare a prendere stabilmente la direzione del giocatore più giovane fino al minuto 215 della partita.

Per avere un termine di paragone, in 1313 partite tra il minuto 150 e il minuto 215, l’età media dei vincitori è stata di 27.4 rispetto all’età media degli sconfitti di 27.5. In questi 75 minuti di partita, i giocatori più giovani hanno mediamente battuto i rivali più anziani in ogni stagione tranne il 2012.

Superato il minuto 215, i giocatori più vecchi hanno vinto più spesso dei loro corrispettivi più giovani. Però, solo 255 partite sono andate oltre questa soglia, e un campione di dimensioni maggiori consentirebbe un’analisi più precisa del rendimento dei giocatori più giovani quando la partita diventa molto lunga (appunto oltre i 215 minuti).

IMMAGINE 2 – Istogrammi per l’età media dei vincitori (in arancione) e degli sconfitti (in blu), tra il 2012 e il 2016

Lo scontro tra facce d’angelo e veterani brizzolati

Se da un lato è vero che i giocatori che si avvicinano ai trent’anni o che li hanno da poco superati hanno meno probabilità di vincere un torneo dello Slam, dall’altro l’età media dei vincitori (27.7) ha eclissato l’età media degli sconfitti (27.5), vale a dire che – tra il 2012 e il 2016 – i giocatori più vecchi hanno fatto meglio dei giocatori più giovani. In parte, l’età media dei vincitori è aumentata leggermente perché Roger Federer, Stanislas Wawrinka e Rafael Nadal, tutti almeno trentenni, sono tra i giocatori di vertice nel circuito maschile. Complessivamente però, l’età media dei vincitori per i giocatori tra i primi 50 della classifica è di 27.3 anni rispetto ai 27.5 per i giocatori fuori dai primi 50.

Se dal campione si eliminano i giocatori più piccoli di venticinque anni, l’età media dei vincitori scende sotto all’età media degli sconfitti di -0.1 punti, segnalando un leggero vantaggio per i giocatori più giovani. È un risultato che ha senso, considerando che i giocatori che si avvicinano ai vent’anni o che li hanno da poco superati hanno mediamente meno esperienza e probabilmente non hanno ancora raggiunto il loro livello massimo.

Si è trovato anche che i veterani, giocatori con almeno trent’anni, hanno mediamente la meglio sui giocatori al di sotto di venticinque anni. Negli scontri diretti, i primi hanno vinto con una frequenza del 53% su 1621 partite.

Nel tempo, alcuni tra i giocatori più giovani avranno la possibilità di vincere future edizioni degli US Open o di Wimbledon. Il tennis è uno sport costruito per gambe giovani e ricompensa chi è in grado di mantenere un alto livello di gioco alto anche a partita. Con Nadal e Federer destinati a ritirarsi dal professionismo, un nuovo gruppo di giovani prodigio tra cui Alexander Zverev (diciannovenne) e Thanasi Kokkinakis (ventenne) non aspettano altro che sovvertire l’élite mondiale che sta invecchiando.

Younger Tennis Players Fair Better In Longer Matches

La fatica è un fattore anche nel tennis?

di John McCool // sportsbrain

Pubblicato il 27 ottobre 2017 – Traduzione di Edoardo Salvati

Valutazioni e pronostici sulle prestazioni di un giocatore o di una squadra non possono prescindere dal fattore fatica. Nella NBA ad esempio, le squadre devono tipicamente giocare tre o quattro partite a settimana, un ritmo che può comportare una diminuzione nel livello di gioco, specialmente verso la fine della stagione regolare. È per questo che alcuni allenatori, come Greg Popovich dei San Antonio Spurs, fanno riposare a più riprese i loro giocatori migliori nelle fasi conclusive del campionato, prima dell’inizio dei play-off.

La fatica a cui un giocatore è sottoposto è di particolare preoccupazione per gli scommettitori, che aggiustano i loro modelli predittivi nel caso in cui un giocatore o una squadra siano costretti dal calendario a giocare due giorni di fila o si trovino alla fine di una lunga trasferta.

Il tennis è un altro sport che impone di mantenere un alto livello di rendimento fisico e mentale, in cui la maggior parte dei giocatori viaggia durante una stagione di nove mesi in più continenti, con il cambio di molti fusi orari.

I modelli che predicono gli esiti di una partita di tennis considerano variabili quali la bravura di un giocatore o il tipo di superficie. Può però essere utile esaminare anche il contesto in cui si svolge la partita e il grado di stanchezza di un giocatore nel momento in cui si accinge ad affrontarla.

La maggior parte di questi modelli predittivi ipotizza che ogni game e ogni servizio siano indipendentemente e identicamente distribuiti. Cosa accade però se un determinato giocatore ha un rendimento migliore al servizio quando è avanti nel punteggio ma fa fatica quando è alla risposta, ad esempio sulla terra battuta? E riesce ad avere delle buone prestazioni in partite più lunghe della media?

L’analisi che segue cerca di rispondere a quest’ultima domanda. Si è principalmente interessati infatti a valutare se il rendimento di un giocatore diminuisca in termini di vittorie e sconfitte a seguito di una partita più lunga di 101 minuti (la mediana della durata di una partita del campione considerato). È stato escluso il confronto nel caso in cui un giocatore abbia avuto più un paio di giorni di riposo tra una partita e l’altra, in quanto l’effetto fatica ne verrebbe limitato.

È stato selezionato un campione casuale di 481 partite dalla stagione maschile 2016 del circuito maggiore, utilizzando i dati messi a disposizione da Jeff Sackmann di TennisAbstract. Si è creata poi una variabile binaria per verificare se una partita sia durata più di 101 minuti ed è stata usata una funzione ForLoop di Python per calcolare l’esito della partita successiva del medesimo giocatore, considerando elementi come il nome del vincitore, la lunghezza della partita in minuti, la classifica sia del vincitore che dello sconfitto.

Il modello di regressione logistica usato è costruito sulla classifica del vincitore, sulla classifica dello sconfitto e sulla durata della partita precedente nel caso sia andata oltre il valore mediano di 101 minuti. Complessivamente, si è trovato che la fatica non altera in modo significativo il rendimento di un giocatore in termini di partite vinte e perse (p > 0.05), è stata invece la classifica del giocatore che ha perso quella determinata partita a essere molto più predittiva dell’esito finale (p < 0.01).

IMMAGINE 1 – La relazione tra la differenza nella durata della partita tra partite consecutive in termini di minuti e probabilità di vittoria. Una differenza negativa di durata indica che la partita attuale di un giocatore è stata più corta della precedente, e viceversa

Questo suggerisce che la fatica nel tennis ha un ruolo di secondo piano rispetto al livello di bravura del giocatore. È importante notare però che il modello non tiene conto della durata della precedente partita giocata dall’avversario e che si basa su un campione di partite esclusive della stagione 2016.

È stato anche usato un basico classificatore bayesiano – un algoritmo “predittivo di una classe dato un insieme di un insieme di caratteristiche” – per misurare la probabilità di vittoria di un determinato giocatore in funzione del fatto che la sua precedente partita abbia avuto una durata superiore o inferiore rispetto alla durata mediana di una partita.

Rispetto al basico classificatore bayesiano, è difficile stabilire l’ampiezza del ruolo della fatica in una vittoria o in una sconfitta. Nel campione, i giocatori che hanno giocato una partita più lunga della mediana (nella partita precedente) avevano il 47% di probabilità di vittoria, contro il 48% di probabilità nelle partite che sono terminate prima della durata mediana. È importante anche aggiungere che il classificatore non considera se la precedente partita dell’avversario sia durata più a lungo del valore mediano.

Ci sono altre analisi che si concentrano sulla diminuzione della velocità del servizio di un giocatore all’avanzare del torneo, come quella di Stephanie Kovalchik del Game Insight Group di Tennis Australia, la federazione australiana, che ha verificato come il servizio di Dominic Thiem agli US Open 2017 sia sceso dai 150 km/h dell’inizio del torneo ai 135 km/h del quarto e suo ultimo turno.

Questo evidenzia la presenza di un fattore fatica nel tennis. Vittorie e sconfitte però non sono necessariamente legate alla durata della partita ed è più probabile che sia il livello di bravura di un giocatore o del suo avversario a determinare l’esito finale. Altri modelli potrebbero valutare in che misura il riposo (quindi il giorno o i giorni tra una partita e la successiva) influisca sulla prestazione dei giocatori.

Il codice per quest’analisi è disponibile qui.

Is Fatigue a Factor in Tennis?