Le giocatrici dovrebbero andare a rete più spesso?

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato il 18 gennaio 2014 – Traduzione di Edoardo Salvati

Il tennis femminile del 21esimo secolo si basa sullo scambio da fondo. Ci sono alcune giocatrici più brave a riconoscere il momento giusto per andare a rete, mentre altre se la cavano piuttosto bene quando ci arrivano. Se un tifoso di qualche decennio fa però venisse catapultato agli Australian Open 2014, proverebbe inquietudine di fronte alla rarità dei punti a rete e alla goffaggine nel gioco di volo da parte di molte delle giocatrici.

Visto che quasi tutti i commentatori televisivi del momento sono stati giocatori eccellenti in un’epoca in cui era naturale andare a rete, un frequente ritornello durante le telecronache è l’esortazione a giocare più spesso in quella zona di campo. Il termine “frequente” è quasi un eufemismo: in uno scatto di fastidio ho scritto su Twitter che se si bevesse un bicchiere di qualche sostanza alcolica ogni volta che un commentatore dice di scendere a rete più spesso, ci sarebbe il serio rischio di un trapianto di fegato o di qualche peggiore conseguenza.

Si tratta però di una tematica meritevole di approfondimento. Vero è che una giocatrice dotata a rete vincerebbe più punti attaccando più spesso. Quando però le professioniste non enfatizzano quell’aspetto del gioco e ricavano poca esperienza sull’approccio a rete in situazioni di partita, possiedono poi il talento sufficiente a sfruttare questo tipo di opportunità?

Introduciamo qualche numero

Se siete tentati di rivolgervi alla statistica “punti a rete” che si vede durante le telecronache, resistete! In una partita con scambi da fondo, i punti a rete possono avere poco a che fare con le discese a rete. Cercare di prendere una palla corta ad esempio è considerato un punto a rete. Anche chiudere su una debole risposta al servizio viene identificato come punto a rete. In molte partite del circuito femminile, più della metà dei “punti a rete” non riguarda un approccio a rete, ma arriva quando sono le giocatrici a essere in qualche modo chiamate a rete.

A peggiorare le cose, quella sezione di punti a rete non derivanti da un approccio diretto hanno poco a che fare con le discese a rete. Qualsiasi giocatrice degna del circuito maggiore dovrebbe essere in grado di prodursi in un dritto al volo vincente su una risposta debole e flottante. All’opposto, cercare di arrivare su una palla corta richiede capacità diverse da quelle che servono per scegliere il momento giusto per un colpo di approccio a rete che metta poi nella posizione di chiudere con facilità il punto con una o due voleé.

Fortunatamente, possiamo fare affidamento su specifici dati di approccio a rete raccolti attraverso il Match Charting Project.

Ci sono venti partite nel database dei primi mesi della stagione femminile 2014, molte dell’inizio degli Australian Open. Sono dati che distinguono tra “approcci a rete” e “punti a rete”. In una delle prestazioni più aggressive contenuta nel database, Angelique Kerber, nella sua sconfitta da parte di Tsvetana Pironkova a Sydney, ha vinto 15 punti a rete su 19, mentre ha vinto tutti e dieci i suoi approcci a rete (per vedere le relative statistiche delle partite del database in cui sono indicate – qui quella tra Kerber e Pironkova – cliccate su uno dei due link “Net Points”).

I dieci approcci a rete di Kerber pareggiano il numero più alto tra tutte le partite WTA che sono state mappate fino a ora nel 2014. Anche Garbine Muguruza nel terzo turno a Melbourne contro Caroline Wozniaki è andata dieci volte a rete, anche se in una partita più lunga.

In queste venti partite, solo 27 giocatrici su 40 sono andate almeno una volta a rete in modo tradizionale. Se si considerano anche quelle che non sono mai andate a rete, la media è di soli 3 approcci a rete a partita. Tra le 27 giocatrici che sono andate a rete almeno una volta la media è stata di 4.7 approcci per partita.

È evidente quindi che molte opportunità di attacco non vengano sfruttate.

Il rendimento

Dei 126 approcci che abbiamo registrato, la giocatrice che è andata a rete ne ha vinti 84, esattamente i due terzi. Pur non rappresentando una forma di pubblicità estremamente convincente dell’approccio a rete – molti colpi di approccio sono a seguito di un debole colpo a rimbalzo dell’avversaria che è già a quel punto in una situazione di svantaggio – di certo non sono nemmeno evidenza sufficiente per rinunciarvi.

Tra tutti gli approcci a rete, metà delle volte la giocatrice che è andata a rete ha colpito un vincente diretto a rete o ha indotto a un errore forzato con un colpo a rete. Solo il 12% delle volte l’avversaria ha colpito un passante vincente, mentre nel 5% delle volte l’avversaria ha indotto un errore forzato con un passante. Nel 12% dei punti da approccio a rete, la giocatrice che ha attaccato ha sbagliato con un errore non forzato.

Delle 27 giocatrici nel database che sono andate a rete almeno una volta, solo sei non sono riuscite a vincere la metà di quei punti (tre delle quali sono andate a rete solo una volta), e altre tre hanno vinto esattamente la metà dei loro approcci a rete.

Le giocatrici di questo campione che più hanno approfittato dell’opportunità di andare a rete sono anche quelle ad aver ottenuto maggiori risultati. Delle otto che più hanno attaccato, sette hanno vinto più della metà dei punti che ne sono seguiti. Questo ci permette di giungere alla provvisoria conclusione che tutte le altre giocatrici – cioè quelle che hanno scelto solo pochi momenti per attaccare durante la partita – avrebbero potuto approfittare di più della situazione. Potrebbe esserci un limite nel gioco moderno su quanto sia opportuno andare a rete, ma un massimo osservato di dieci volte non sembra sia quel limite.

Incertezza inevitabile

A prescindere dal dieci su dieci di Kerber a Sydney o l’uno su uno di Sloane Stephens nel terzo turno contro Elina Svitolina agli Australian Open 2014, è impossibile conoscere l’esito del prossimo approccio a rete, o dei prossimi cinque. Possiamo analizzare le singole partite e notare che una giocatrice può avere un record perfetto sui suoi dieci approcci a rete, ma non possiamo certo replicare in laboratorio la partita tra Stephens e Svitolina in modo che Stephens vada a rete dieci volte invece di una sola.

Di fronte ai risultati positivi che le giocatrici possono ottenere andando a rete, ci sono molti motivi per non farlo. Come ho detto in apertura, le giocatrici di oggi non allenano il gioco di volo allo stesso modo di quello da fondo, e sicuramente non accumulano esperienza durante le partite. Se una giocatrice non si trova a proprio agio a scendere a rete in determinati momenti, è davvero una buona idea farlo?

Sulla carta, sia l’intuizione che i numeri danno indicazione favorevole per una maggiore propensione all’attacco da parte delle giocatrici. Quando scendono a rete, ottengono spesso risultati migliori, chiudendo le voleé e subendo rari passanti. Ho il sospetto che questo voglia dire adottare una strategia di lungo termine piuttosto che il tipo di suggerimento che un allenatore potrebbe dare durante il cambio di campo.

Quando i commentatori invitano una giocatrice ad andare a rete più spesso, credo che quello che vogliano veramente dire sia: “se questa giocatrice fosse più a suo agio con la fase di transizione, andare a rete sarebbe una grande opportunità da cogliere” oppure “le giocatrici dovrebbero allenarsi più intensamente sui colpi di approccio in modo da farsi trovare pronte quando si presenta l’opportunità”. O semplicemente: “Martina avrebbe vinto quel punto dieci colpi fa”.

Sembrano esserci opportunità per le giovani giocatrici più, appunto, opportunistiche. Non sono però opportunità generate banalmente da un cambio di allenatore o da un’arringa di John McEnroe. Solo nel momento in cui ci troveremo davanti a una giocatrice con un gioco da fondo in grado di competere con le professioniste migliori e un gioco di transizione/a rete superiore a quello della maggior parte delle giocatrici del circuito, potremo veramente capire quante occasioni le giocatrici di oggi stanno gettando al vento.

Should WTA Players Approach the Net More?

La misurazione della qualità dei colpi applicata ai quarti di finale degli Australian Open 2017

di Stephanie Kovalchik // OnTheT

Pubblicato il 24 gennaio 2017 – Traduzione di Edoardo Salvati

La seconda settimana di uno Slam è sempre un buon memento del livello superlativo di tennis al quale abbiamo la fortuna di assistere in questa epoca. Anche tra i giocatori di vertice però esistono differenze nella qualità dei colpi.

Il Game Insight Group, il gruppo di ricercatori di Tennis Australia – la federazione australiana di tennis – ha cercato di elaborare una modalità di misurazione della qualità del colpo. I vincenti e gli errori danno indicazione in merito all’esito di un colpo che conclude il punto, ma rappresentano solo un sottoinsieme di colpi e una misurazione in qualche modo grezza rispetto a quella tipologia. Spesso desideriamo sapere più di quanto sia successo in conseguenza a un determinato colpo, vogliamo cioè sapere come è stato quel colpo e come si pone rispetto ad altri colpi della partita.

E’ qui che fa il suo ingresso il concetto di qualità dei colpi. La qualità è un aspetto che ogni colpo possiede, sia esso un vincente o un colpo di ribattuta. Per misurare la qualità dei colpi più importanti nel tennis – servizio, dritto e rovescio – abbiamo creato un database di prova a livello di singolo colpo che assegni una valutazione sull’esito di ciascuno di essi rispetto a quanto vincente sia stato o quanto invece sia stato un errore.

Una volta stabilita questa distinzione per un campione di colpi significativo, abbiamo usato dei modelli di apprendimento automatico per determinare il legame tra parametri quali velocità, accuratezza, altezza e punto di impatto di un colpo e la valutazione del colpo stesso, introducendo variazioni incrementali fino a che non si è trovato un modello con un buona precisione di classificazione. Si è poi applicato tale modello a qualsiasi colpo per ottenere una previsione per ogni possibile tipologia di valutazione (ad esempio, un vincente diretto, un errore forzato, etc). Presa la somma di ogni valutazione e la sua probabilità rispetto a tutte le possibili valutazioni, si è ottenuto il punteggio complessivo di un colpo. Per stimare la bravura di un giocatore, viene considerata la media rispetto ai suoi punteggi.

Visto che ci si riferisce a valori medi, è possibile che un giocatore con un punteggio più alto in qualità non sia necessariamente quello con risultati migliori. Questo perché si omette il contesto di un colpo e se il tipo di colpo sia stata una decisione valida o una sbagliata, fattori che potrebbero essere fondamentali per differenziare due giocatori di estremo talento come nella partita di quarto turno vinta da Rafael Nadal su Gael Monfils. Tuttavia, anche senza questo aspetto, ritengo che la qualità media sia un elemento interessante perché aiuta a individuare le caratteristiche tipiche dei colpi di un giocatore e se lo stesso faccia meglio in un determinato colpo in media rispetto agli altri giocatori.

Utilizzando tre modelli diversi – per il servizio, il dritto e il rovescio – siamo in grado di mettere a confronto la qualità dei colpi agli Australian Open 2017 per i giocatori che hanno raggiunto i quarti di finale. I valori sono rapportati al punteggio storicamente più alto delle ultime cinque edizioni del torneo, ad esempio quello di John Isner al servizio. Un punteggio di 100 indica un giocatore che si esprime sugli stessi livelli della migliore prestazione nel recente passato.

Per quanto riguarda il tabellone maschile, Stanislas Wawrinka è il giocatore con la qualità dei colpi complessivamente più alta, come mostrato nell’immagine 1 (nella versione originale è possibile visualizzare i singoli valori puntando il mouse su ciascuna barra, n.d.t.). E’ anche il primo ad aver raggiunto le semifinali dopo aver sconfitto Jo Wilfried Tsonga. Gran parte del suo vantaggio sembra arrivare dal rovescio, colpo nel quale gli altri giocatori hanno avuto più problemi (specialmente Nadal), probabilmente a causa della velocità della superficie di quest’anno. Milos Raonic e Roger Federer sono rispettivamente secondo e terzo, ciascuno con un buon margine sul servizio e sul dritto.

IMMAGINE 1 – La qualità dei colpi per i giocatori ai quarti di finale del singolare degli Australian Open 2017

In campo femminile, la giocatrice che si è più distinta è Mirjiana Lucic, la 34enne che può ringraziare il suo dritto per non averla abbandonata nella sua rincorsa al titolo totalmente inaspettata. E’ infatti il dritto che la sta facendo emergere dalle altre giocatrici, come mostrato nell’immagine 2. Sorprendentemente, Serena Williams ha il punteggio più basso di questo gruppo, mentre Venus Williams è al terzo posto. Mentre il servizio di Serena è stato alla pari o sopra a quello delle avversarie, è la qualità del suo rovescio a essere sino ad ora inferiore.

Anche se è ancora tutto aperto per il proseguo del torneo (come noto, vinceranno il titolo Federer e Serena, n.d.t.), questi punteggi sono un’indicazione di quali punti di forza e debolezza, relativa, attendersi nelle prossime partite.

IMMAGINE 2 – La qualità dei colpi per le giocatrici ai quarti di finale del singolare degli Australian Open 2017

AO 2017 Quarterfinalist Shot Quality

La qualità dei colpi nella semifinale degli Australian Open tra Federer e Wawrinka

di Stephanie Kovalchik // OnTheT

Pubblicato il 27 gennaio 2017 – Traduzione di Edoardo Salvati

La prima semifinale degli Australian Open 2017 si è giocata alla Rod Laver Arena nel Giorno dell’Australia e, alla fine del secondo set, la partita sembrava avviata verso una rapida conclusione. Il primo break nel quarto gioco del terzo set da parte di Stanislas Wawrinka ha però cambiato lo scenario.

Se il vantaggio psicologico della partita era nettamente a favore di Roger Federer nelle fasi iniziali, a partire dal terzo set entrambi i campioni avrebbero potuto prendere in mano la partita. Federer ha poi vinto al quinto set dopo aver perso il terzo e il quarto. Cosa si può dire della qualità dei colpi?

Utilizzando una statistica sulla qualità dei colpi di cui ho introdotto in un precedente articolo, possiamo analizzare la prestazione di Federer e Wawrinka in ciascun set per ognuno dei colpi principali del tennis: il servizio, il dritto e il rovescio.

L’immagine 1 mostra la qualità dei colpi suddivisa per set, con il valore di 100 punti che indica che il colpo medio ha ottenuto lo stesso livello di qualità del più alto osservato negli ultimi cinque anni agli Australian Open (nella versione originale è possibile visualizzare i singoli valori puntando il mouse sul grafico, n.d.t.). Si osserva come il risultato del set è dipeso in larga misura dalla qualità del servizio, con Wawrinka che ha mantenuto un punteggio alto, e quindi un livello qualitativo alto, fino al quarto set per poi scendere nel quinto. È probabile che l’atteggiamento offensivo di Wawrinka nel servire molte delle seconde come se fossero delle prime abbia influito sull’andamento, con il maggiore rischio che ha pagato nel terzo e nel quarto set, ma non nel quinto. Federer invece ha faticato al servizio nei set che ha perso, il terzo e il quarto.

IMMAGINE 1 – La qualità dei colpi nella semifinale tra Federer e Wawrinka

Molti appassionati probabilmente aspettavano con eccitazione la sfida tra due dei rovesci a una mano più belli del circuito. Anche se spesso si attribuisce a Wawrinka una superiorità in questo colpo, durante la semifinale è stato Federer a mostrare una qualità complessivamente maggiore. Penso che questo sia in larga parte spiegabile con il tipo di scelta del colpo da parte di entrambi, con Federer che ha giocato più rovesci di attacco e a rete e Wawrinka rovesci più difensivi.

In termini di dominio del colpo, il dritto è stato più altalenante. Nel primo, secondo e quinto set – cioè i set vinti da Federer – il livello qualitativo è stato simile, mentre nel quarto, vinto da Wawrinka, il suo dritto è stato superiore.

Per quanto nessuno dei due giocatori abbia giocato al meglio in tutti i set, la qualità del loro gioco ha toccato punti di pregiata fattura. Federer è stato il più costante e questo è il motivo principale che gli ha permesso di raggiungere la 28esima finale di Slam.

Shot Quality Review of the Federer Wawrinka AO2017 Semifinal