Scambi vincenti – Australian Open Series

di Stephanie Kovalchik // OnTheT

Pubblicato il 10 dicembre 2016 – Traduzione di Edoardo Salvati

Il settimo articolo dell’Australian Open Series.

Quando si pensa alla capacità di dominare uno scambio lungo, vengono in mente quei giocatori con la tendenza a giocare punti caratterizzati da molti colpi e in grado di vincerli con regolarità. Sebbene durante qualche torneo appaiano indicazioni sulla lunghezza tipica di uno scambio, di solito non conosciamo le probabilità di vincerlo che un giocatore possiede in funzione del protrarsi dello scambio. Nell’articolo si affronta la tematica utilizzando i dati raccolti dal Game Insight Group di Tennis Australia, la federazione australiana di tennis.

La lunghezza dello scambio è fortemente condizionata dall’efficacia del servizio, ci si aspetta cioè uno scambio più lungo nel caso in cui il servizio non sia un vincente o non consenta al giocatore al servizio di chiudere il punto con il suo secondo colpo. Come passaggio iniziale, quindi, analizziamo le prestazioni e la lunghezza dello scambio per i giocatori al servizio. L’immagine 1 mostra la percentuale di punti vinti dai giocatori al servizio nelle edizioni dell’Australian Open dal 2014 al 2016 negli scambi lunghi (più di 4 colpi) e in quelli corti (entro i 4 colpi), conteggiando il servizio come primo punto dello scambio (nella versione originale è possibile visualizzare i singoli valori puntando il mouse su ciascuna bolla, n.d.t.). Il limite dei 4 colpi è arbitrariamente scelto, ma è stato utilizzato anche in altre analisi per definire il tennis come gioco di “primo attacco”, cioè quello in cui la maggior parte dei punti si concludono, servizio compreso, entro i 4 colpi.

Se molti dei nomi più famosi si trovano nella parte alta della classifica, come Novak Djokovic, Andy Murray e Rafael Nadal, è perché il riferimento numerico si concentra sulla percentuale di vittorie. Osserviamo anche l’universalità del vantaggio associato al servizio, dovuta al fatto che, preso un determinato punto, è molto probabile che tutti i giocatori di vertice abbiano vinto quel punto sul proprio servizio. Tuttavia, è un vantaggio che subisce variazioni considerevoli. Prendiamo Roger Federer, il quale al servizio vince l’81% degli scambi corti ma solo il 51% di quelli lunghi. In confronto, Fabio Fognini al servizio vince il 68% degli scambi corti e il 54% di quelli lunghi.

IMMAGINE 1 – Percentuale di punti vinti al servizio rispetto alla lunghezza dello scambio per il tennis maschile, Australian Open 2014-16

Cambiando prospettiva ed esaminando la percentuale di punti vinti dal giocatore alla risposta rispetto alla lunghezza dello scambio, si modificano anche i valori. L’immagine 2 fornisce un dettaglio su quei giocatori che ottengono i risultati migliori di fronte a un servizio debole dell’avversario. Notiamo l’eccezionalità di Djokovic e Kei Nishikori nel primeggiare negli scambi lunghi sia al servizio che alla risposta. Per tutti i giocatori dell’elenco fino a Juan Martin Del Potro siamo in presenza di prestazioni notevoli perché, con una percentuale del 50% o superiore, dopo due colpi sono in grado di eliminare il vantaggio associato al servizio dell’avversario.

IMMAGINE 2 – Percentuale di punti vinti alla risposta rispetto alla lunghezza dello scambio per il tennis maschile, Australian Open 2014-16

Anche nel tennis femminile la lunghezza degli scambi e le percentuali di punti vinti sono condizionate dal servizio, ma in misura inferiore rispetto a quello maschile, come mostra l’immagine 3. Anzi, assistiamo a dinamiche specifiche per le giocatrici al servizio che registrano le più alte percentuali di scambi lunghi vinti, come ad esempio la vincitrice delle Finali di stagione 2016 Dominika Cibulkova o Lucie Safarova. Per queste giocatrici infatti, la lunghezza degli scambi è virtualmente ininfluente sulla percentuale di punti vinti al servizio.

Giocatrici come Madison Keys e Serena Williams evidenziano dinamiche di gioco più simili a quelle degli uomini: una percentuale tra il 10 e il 20% di vantaggio sui punti vinti al servizio negli scambi corti.

IMMAGINE 3 – Percentuale di punti vinti al rispetto alla lunghezza dello scambio per il tennis femminile, Australian Open 2014-16

Si assiste al cambiamento più radicale esaminando i punti vinti dalle giocatrici alla risposta, che sono in una posizione molto più favorevole rispetto agli uomini per prendere il controllo del punto dopo due colpi. E alcune giocatrici sembrano avere un’abilità superiore nel ricavare vantaggio dalle opportunità sugli scambi lunghi. Sia Cibulkova che Johanna Konta, con una percentuale di punti vinti sugli scambi lunghi maggiore del 60%, rendono il game di servizio delle avversarie più combattuto nel caso in cui il punto non si concluda velocemente.

IMMAGINE 4 – Percentuale di punti vinti alla risposta rispetto alla lunghezza dello scambio per il tennis femminile, Australian Open 2014-16

AO Leaderboard— Rally Winners